Aprendo a caso il diario non censurato di Anais Nin ho trovato questa frase:

Il demone in noi, l’altro, lavora segretamente e insidiosamente. Il mio demone si sta togliendo la maschera. Riesco a vederlo meglio. Mi vedo entrare in una stanza piena di gente con la certezza che affascinerò qualcuno- una gradevole certezza che mi diverte.

È il suo demone. E il vostro, qual è?

Annunci