Invano il sognatore rovista nei suoi vecchi sogni, come fra la

cenere, cercandovi una piccola scintilla per soffiarci sopra e

riscaldare con il fuoco rinnovato il proprio cuore freddo, e

far risorgere ciò che prima gli era cosi caro, che commuoveva

la sua anima, che gli faceva ribollire il sangue, da

strappargli le lacrime dagli occhi, così ingannandolo

meravigliosamente.

Le notti bianche – F. Dostoevskij

Annunci