Tag

Capita…

Capita di uscire in piena estate

Fare due passi nella città deserta

Girovagare.

Capita di entrare in libreria

Sfogliare libri

E sentire uno sguardo,

poi, subito, un braccio intorno al collo.

Alzo gli occhi,

lo guardo…

È lui.

Non ci eravamo più sentiti

visti…

Io l’avevo evitato,

perché sapevo

Mi ha portata in un angolo,

lontana dalla mia amica,

mi ha sorriso

mi ha guardata

“sei in forma”

Mi ha guardata

“sono in ritardo,

avrei già dovuto mandarti la partecipazione”

Il mio viso non so se ha sorriso.

“Sei in forma”,

mi ha ripetuto

“Verrai alla mia festa, vero?”

“Dovrei esser all’Elba in quei giorni”

È stata la mia risposta…

Non riesco a sentirlo estraneo a me…

Non riesco a sentirlo indifferente.

Non riesco a sentir indifferente lui.

Lui con quello sguardo,

con quel sorriso aperto

con il suo non esser mai avaro di sé.

È questo:

questo suo esser mai avaro di sé.

Adoro chi non ha paura a darsi

Adoro gli uomini cosi,

che non pesano

non soppesano

non centellinano

che vivono

e

ti vivono

fino all’osso.

Annunci